Torta di pane alle mele

Fotografia di Alessandro Arnaboldi

Fotografia di Alessandro Arnaboldi

Qualche giorno fa scambiavo due chiacchiere su Facebook e si parlava del riciclo. Commentando il post, una ragazza ha proposto la torta di pane per riciclare il pane secco. E subito mi ènvenuta voglia di prepararla. La torta di pane, dolce o salata, e’ una validissima idea per recuperare il pane avanzato e oramai secco. Fin da bambina mi hanno insegnato che il pane non si butta, e oltre a fare il pangrattato, mia mamma e mia nonna lo hanno sempre utilizzato nelle loro ricette. La torta paesana e’ meravigliosa e riesce a conquistare anche mio marito. Ripensando a ciò che avevo in casa e a come avrei potuto prepararla, visto che oramai mi ero fissata, ho deciso di fare la versione con le mele. Questa torta mi piace molto perché rimane rustica e morbida, dove le mele sono protagoniste. Quasi fosse un crumble. Non ho messo le uova, che nella ricetta originale andrebbero per legare il composto di pane. Se voi volete potete aggiungerne un paio per amalgamare.
Ingredienti per una teglia da 20/22 cm di diametro:
1 francesino e mezzo
300 ml di latte di soia (o altro vegetale)
2 mele golden mature
2 cucchiai di fruttosio o zucchero integrale di canna
una manciata di uvetta
una manciata di granella di nocciole
cannella
Procedimento:
Rompere grossolanamente il pane e coprirlo con il latte. Lasciar riposare finché il pane non avrà assorbito completamente il liquido ammorbidendosi. Lavorare il pane con le mani e poi aggiungerci le mele tagliate a piccoli tocchetti, lo zucchero, le uvette ammollate nell’acqua calda, la cannella e la granella di nocciole. Lavorare il composto per rendere l’impasto omogeneo. Trasferirlo in una teglia e cuocere in forno caldo per circa 30 minuti a 200 gradi.
Servire tiepida o fredda.
Buon appetito!
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail

2 Comments

  1. mai provata,pero’mi hai stuzzicato alla grande!!

    Reply
    • Eh eh eh 😊 Mirtilla! Lasciati tentare….

      Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *