Stella - risotto ai cavoletti di Brusselles, zucca  e povere di barbabietola

STELLA . RISOTTO AI CAVOLETTI CON CHIPS DI ZUCCA E POLVERE DI BARBABIETOLA – FOTOGRAFIE DI ALESSANDRO ARNABOLDI

 

Le relazioni personali sono le connessioni che abbiamo con gli altri. Credo che siamo collegati alle persone che ci circordano. Alcuni hanno un filo sottilissimo che ci connette, con altre è un vero e proprio spago doppio che ci lega saldamente a prescindere che i rapporti siano sereni o contrastanti.

Le persone entrano nella nostra vita in un determinato momento, non prima e non dopo, ma proprio quando è il momento giusto e per un determinato motivo. Mai per caso.
Secondo i principi della macrobiotica ogni cosa ha un ordine. Tutto cambia ma con ordine. Un ordine preciso, secondo cicli ben precisi quasi scientifici. E questo vale anche nelle relazioni.

Credo che noi siamo il risultato delle nostre azioni. Non solo di quello che mangiamo o che pensiamo ma anche ciò che facciamo e come ci comportiamo nei confronti degli altri. Le nostre relazioni condizionano il nostro essere.

In questo periodo mi domando cosa sia l’amicizia. Un sentimento che troppo spesso viene preso sottogamba e non viene vissuto con il reale impegno e responsabilità come invece dovrebbe essere.

Per me l’amicizia è un sentimento forte, basilare nelle mie relazioni. Gli amici sono la famiglia che mi sono costruita. E come tale la difendo a spada tratta, la proteggo, mi preoccupo, e mi dono con tutta l’anima senza risparmiarmi.

Oggi, vedendo i comportamenti altrui, mi rendo sempre più conto che quelli che ho sempre considerato pregi come prendermi cura degli amici, amarli e proteggere i rapporti e le relazioni, stiano sempre più diventando dei difetti e che l’amicizia oramai sia merce rarissima e preziosa. Sbaglio su ogni fronte. Mi fido delle persone sbagliate a cui non gliene frega niente né della mia presenza tanto meno dei miei sentimenti.

Purtroppo vedo sempre più spesso individui concentrati su se stessi, individualisti ed egoisti. Non importa di asfaltare gli altri per raggiungere i propri obiettivi, manipolarli o prenderli in giro.

La cosa principale che manca è il rispetto. Mi rendo conto che sempre più spesso non c’è più rispetto. E ciò mi rattrista molto.

E poi manca la fiducia. E’ difficile dare fiducia e avere fiducia.

Un amico invece, per me, è qualcuno di cui ci fidiamo ciecamente. Qualcuno che sappiamo che è dalla nostra parte, che c’è anche quando non è vicino a noi ma che è pronto a difenderci, proteggerci, avere voglia di noi e essere presente nei momenti di gioia ma soprattutto nelle difficoltà.

Un amico è colui che è sincero e leale. Di certo non si approffitta degli altri sfruttando quel sentimento così puro, e tanto meno lo sfrutta a proprio vantaggio. Semmai il contrario.

Un amico è un amico. Non ti delude o per lo meno fa di tutto per non infrangere i tuoi sentimenti.

Eppure ci sono persone che fingono. Fingono la propria amicizia, disponibilità, interesse e affetto per raggiungere i propri scopi o solo giocando a loro vantaggio. E quando non è più di loro interesse i rapporti si incrinano e si spezzano. E si perde il rispetto e la fiducia. Eppure sono stelle che brillano nel nostro stesso cielo, anime a cui siamo collegate per destino da quell’invisibile filo.

 

 

Stella - risotto ai cavoletti di Brusselles, zucca  e povere di barbabietola

Stella – risotto ai cavoletti di Brusselles, zucca e polvere di barbabietola

Stella – risotto ai cavoletti di Brusselles, zucca  e polvere di barbabietola

 

Ingredienti per 4 persone:

300 gr di riso carnaroli o arborio

100 gr di cavoletti di Brusselles

200 gr di cannellini già cotti

100 gr di zucca pulita

1 gamba di sedano

1 carota piccola

1 cipollotto o un pezzo di porro

1 pezzetto di zenzero

1 limone

sciroppo di agave

polvere di barbabietola

sale, pepe o olio evo e di girasole

 

Procedimento:

 

Preparare un brodo leggero e chiaro, cuocendo la carota, il sedano e il porro, tagliati grossolanamente, per 10 minuti dal bollore in acqua.

Scaldare una padella capiente e mettere due cucchiai di olio. Aggiungere il riso e farlo tostare. Sfumare con il brodo fino a coprirlo completamente e portarlo a cottura, circa 15 minuti, assicurandosi di tenerlo sempre coperto di brodo.

Nel frattempo frullare i cannellini con olio di girasole e evo in parti uguali, un pizzico di sale e il succo di zenzero, otteneuto spremendo la polpa grattuggiata.

Lavare e affettare sottilmente i cavoletti di Busselles e condirli con olio, pepe e sale e scorza di limone grattuggiata finemente.

Affettare sottilmente la zucca, con l’aiuto di una mandolina e condirla con olio, sale e pepe. Infornarla, in forno caldo, per circa 20 minuti a 180 gradi fino a quando risulterà completamente asciutta e croccante.

Quando a cottura, mantecare il riso con la crema di cannellini allo zenzero, unire i cavoletti e mescolare vigorosamente. Servire con chips di zucca e polvere di barbabietola.

Buon appetito!

 

 

Tempi di preparazione:

 

45 minuti circa

 

nb. per preparare la polvere di barbabietola, cuocere le barbarbietole al vapore con poco succo di limone. Quando cotte affettarle e farle essiccare completamente e poi frullarle fino a polverizzarle.

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail