spaghetti al the verde con i funghi

 

fotografia di Alessandro Arnaboldi

fotografia di Alessandro Arnaboldi

Ci sono luoghi che mi sembrano magici. Talmente belli, dove perdersi e sognare ad occhi aperti. Luoghi in cui trovare cose introvabili e viaggiare in paesi lontani senza muoversi da Milano. Quando entro nei negozi di prodotti alimentari etnici mi sento come Alice nel paese delle meraviglie. Tutto e’ una scoperta, tutto mi affascina e tutto porterei a casa!
Ed e’ così che in un sabato pomeriggio di commissioni, ho trascinato in un superstore etnico mio marito. Anche a lui piacciono tutti questi posti, e’ curioso e coraggioso quanto me, nel provare prodotti sconosciuti. Da buon sinologo si e’ tuffato su tutto ciò che lo riportava in Cina, mentre io guardavo abbagliata i tanti frutti mai provati. Avevo tra le braccia talmente tante cose che mio marito ha ceduto ed e’ andato a recuperare un carrello. Mentre passavo tra gli scaffali, ho visto gli spaghetti al the verde.
Non ci potevo credere, non potevo non provarli. Arraffata subito una confezione ho pensato come cucinarli, volendo mantenere un indole orientale. Li ho proposti infine, quasi in umido con dei funghi saltati e germogli di porro, rigorosamente da mangiare con le bacchette!.
Il piatto e la composizione l’ha scelta Piccolo Chef che ha preparato l’impiattamento e che noi non abbiamo modificato in nessun modo. Il piatto non ha deluso nessuno, era buonissimo.

Ingredienti per 2 persone:

200 gr di spaghetti al the verde
una manciata di funghi freschi (io ho usato gli champignon)
brodo vegetale
olio evo
germogli di porro

Procedimento:Mentre gli spaghetti cuociono in acqua bollente salata far saltare in una paella i funghi, lavati e tagliati, con pochissimo olio. Bagnare con del brodo vegetale e far cuocere per qualche minuto. Aggiungere gli spaghetti ai funghi inumidendoli con un mestolo di acqua di cottura della pasta e spadellare. Servire gli spaghetti ancora umidi con qualche germoglio di porro a piacere.
Buon appetito!

Tempi di preparazione:

15 minuti

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *