spaghetti di daikon

spaghetti di daikon

FOTOGRAFIE DI ALESSANDRO ARNABOLDI

Giovedì scorso sono torta a casa in bicicletta dal lavoro, completamente accaldata. La giornata era tornata finalmente a temperature estive e la corsa in bici ne ha risentito. Appena raggiunta casa, e dopo essermi rinfrescata, ho iniziato a preparare la cena. Avevo in frigorifero il daikon e ho subito pensato di fare una ricetta crudista. Il massimo quando ho voglia di qualcosa di sfizioso ma fresco. Non avevo molto tempo a disposizione per elaborare ricette complesse e così ho preparato questi spaghetti. Erano talmente buoni che ho chiesto ad Alessandro di fare la foto per condividere la ricetta. Dopo alcuni scatti, carini ma non convincenti, gli ho chiesto di farmene una mentre gli porgo il piatto di spaghetti di daikon. Lui era scettico ma io la vedo spesso nei blog di food e ho pensato che anche noi ne avremmo dovuto avere una. Avendo un vestito blu il piatto risaltava tantissimo e per ridere mi ha detto che sarebbe stato perfetto anche per la foto nel set. Così mi sono sdraiata per fare lo sfondo alle foto e ha ricominciato a scattare. Abbiamo iniziato a ridere, mentre io ero in posizione “fondale fotografico”, perché la situazione era esilarante. Il bello di lavorare con Alessandro è che mi diverto un mondo e la serata si è trasformata in un momento di gioco.

spaghetti di daikon

spaghetti di daikon

Spaghetti di daikon

 

Ingredienti per due persone:

1 daikon non molto grande

40 gr di anacardi

40 gr di noci del Brasile

2 pomodori secchi

1 manciata di Basilico fresco

1 cucchiaio di capperi sotto sale

olio evo

uno specchietto d’aglio (facoltativo, a piacere)

1 manciata di pomodorini datterini freschi

spaghetti di daikon

spaghetti di daikon

Procedimento:

Mettere in ammollo i semi oleosi in modo tale che si gonfino reidratandosi. Nel frattempo preparare gli spaghetti pulendo il daikon e tagliandolo con l’apposito strumento, lo spiralizer, per ottenere degli spaghetti. Scolare i semi, sciacquarli, e metterli in un mixer con il basilico, i capperi dissalati, i pomodori secchi. Per chi piace aggiungere uno spicchio d’aglio piccolo. Aggiungere anche gli scarti del daikon, la parte centrale che rimane dopo la spaghettata e azionare il mixer. Ottenere una salsa densa e fluida. Condire con un filo d’olio evo a piacere e condire gli spaghetti. Guarnire con pomodorini datterini freschi, divisi a metà, e qualche fogliolina di basilico e servire.

Buon appetito!

 

Tempi di preparazione:

15 minuti più i tempo di ammollo dei semi oleosi

 

Nb. Se avete la possibilità di lasciare in ammollo i semi oleosi a lungo è ottimale. L’ideale sarebbe una notte intera. Se non possedete lo spiralizer, potete tagliare a julienne il daikon oppure affettarlo con il pelapatate e poi dividere le striscioline ottenute.

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *