riso venere al melone

RISO VENERE AL MELONE

FOTOGRAFIE DI ALESSANDRO ARNABOLDI

Il riso venere è molto aromatico e particolare. Originario della Cina oramai si è diffuso anche sulle nostre tavole. Inizialmente il suo caratteristico colore scuro incuteva un certo timore e di conseguenza era raro persino trovarlo. Finalmente ora anche la grande distribuzione lo vende tra i prodotti quotidiani e non è più così esclusivo come fino a qualche anno fa. E’ un vero successo, in quanto il riso venere fa benissimo, perché ricco di tantissime proprietà nutritive. E’ un tipo di riso che ad Alessandro piace, e mi capita spesso di prepararlo rispetto che il classico risotto. Si sposa molto bene con quasi tutte le verdure e con i semi oleosi. Rispetto al riso classico, il carnaroli o il roma, rimane ben sgranato e al dente. E’ perfetto quindi anche per le preparazioni fredde e per le insalate di riso.

Volendo stupire gli ospiti, il riso venere è un ottimo alleato in quanto il suo colore inusuale lo rende protagonista indiscusso del piatto.  Da Myhomemade ho trovato anche la farina di riso venere. E’ davvero insolita, con quel suo colore caratteristico che conferisce una tonalità scura alle preparazioni. La uso solitamente per preparare i biscotti ma voglio cimentarmi anche nelle preparazioni salate.

A me piace tantissimo con gli asparagi, in primavera, con la zucca in autunno e con i pomodorini e rucola d’estate. Lo preparo come un normale risotto dopo la lessatura, in quanto il riso venere ha una cottura più prolungata.
Grazie alle sue note aromatiche è inoltre molto particolare accompagnato con le spezie o abbinato alla frutta. Come nel caso di questo riso venere condito con il melone, fresco e dissentante, e le spezie. Ho scelto spezie che accentuassero la freschezza del melone come lo zenzero.

riso venere al melone

riso venere al melone

 

Riso venere al melone

La ricetta del riso venere al melone la potete trovare su Bigodino.it

bigodinoSq

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *