pere allo zenzero e ciliegie

PERE ALLO ZENZERO E CILIEGIE – FOTOGRAFIE DI ALESSANDRO ARNABOLDI

Solo se ti rende felice. In questa parte della mia vita è un mantra che mi ripeto spesso.

Ho scelto la felicità, ho scelto di fare ciò che mi appassiona e di cercare di realizzare un sogno. Per essere felice. Con tutte le mie imperfezioni, e con tutto il mio stupore.

Sono una persona felice di cuore, non  mi posso lamentare. Ho sempre lavorato con entusiasmo e piacere. Ho sempre coltivato le relazioni e mantenuto dei buoni rapporti. Per questo credo di essere circondata da bellissime persone con le quali mi sento bene.

Ma sono diventata nell’ultimo periodo più intansigente. Solo se mi rende felice.

Questo per me significa non cadere in compromessi scomodi. Se non funziona o se porta energia negativa, mi affatica e mi lascai un senso di disagio … evitalo.

E’ una bella lezione, e talvolta è faticoso perchè significa dire no.

E troppo spesso siamo abituati a dire di si anche quando vorremmo che fosse no.

Non voglio avere la presunzione di essere sfacciata e segliere in ogni caso. Ci sono situazioni in cui ci si deve adeguare, per l’amor del cielo. Ma in generale desidero concenrare la mia attenzione e tutta la mia dedizione a qualcosa e qualcuno che mi faccia stare davvero bene.

Domenica scorsa sono stata a un nuovo bagno di gong. Come sempre ho faticato parecchio a lascairmi andare e rilassarmi. La mente coninuava a macinare pensieri e tenermi li, ancora al tappetino e ben presente. Le vibrazioni però mi inondavano e ascoltarle mi metteva in uno stato di piacere.

A un certo punto ho iniziato a sentire qualcosa di caldo che fluiva dall’orecchio. Scivolava fuori. La mia attenzione si era focalizzata li. Sentivo scorrere e a un certo punto mi sono resa conto che era sangue.Era caldo e denso. Ho pensato che i rumori troppo assordanti mi avessero lacerto il timpano. Mi sono girata per permettere al sangue di scorrere. Non ero preoccupata.

Più mi ascoltavo e più mi rendevo conto che quella sensazione era liberatoria e piacevole. Ho capito. Ho capito che erano tutte le parole false, alle quali ho creduto, tutte le parole brutte e pesanti che mi sono state rivolte. Rivolte da persone invidiose, ipocrite, mediocri, opportuniste, sleali. Ho capito che non ho bisogno di loro e le posso lasciare andare. Inutile che provi a  cercare dei compromessi, tanto non serve a nulla. Ed è affiorato in me questa frase che ho continuato a ripetermi. Solo se ti rende felice.

Dovremmo domandarcelo tutti prima di fare qualcosa. Ti rende felice? Ti fa stare bene? Ok, allora fallo, ascoltalo, frequentalo, desideralo e via dicendo.

Quella sensazione non ha più smesso. Continuo talvolta a sentire quel calore e quella sensazione di sangunamento. Ovviamente non c’è sangue, non ho dolore; ma è tutto il male che ho accumulato e he ho tenuto dentro probabilmente.

Lo ritengo un successo. Aver preso la decisione di avere il coraggio di lasciare andare ciò he non mi fa stare bene è un processo evolutivo. Doveva essere festeggiato. Cosa mi fa stare bene? Ovviamente stare in cucina!

Finalmente in questi giorni un po’ strani dove la mia routine è cambiata di nuovo mi sento stanca e frastornata. Ho fatto tanto la mamma, andando a scuola a portarlo, concedendomi di bere il caffè con le altre mamma, facendomi trovare all’uscita della scuola e fermandoci al parchetto perchè potesse giocare con i suoi amici. Abbiamo fatto i compiti insieme, siamo andati al saggio del suo amico del cuore e sono andata a vedere il suo saggio di yoga, le sue lezioni aperte di basket e così via. E mi sono resa conto di esserne felice e di non averlo mai fatto prima.

Ho preso del tempo per cucinare con calma, fare le prove per un progetto ambizioso e interessante a cui mi sto dedicando, ho elaborato il piatto per il cooking show di Parma e preparato  i biscotti.

Di quelli facili e con pochi ingredienti, da mangiare alla mattina per fare colazione. Li ho sbriciolati, una volta pronti, per servirli con le ultime mele e le ciliegie, che ora a casa non mancano mai!

pere allo zenzero e ciliegie

pere allo zenzero e ciliegie

Pere allo zenzero e ciliegie

 

 

Ingredienti per 4 persone:

 

3 pere

150  gr di farina integrale

80 gr di zucchero di canna

20 ml di olio di girasole alto oleico

30 ml di succo di mele

1 limone

Un pezzetto di zenzero fresco

4-5 ciliegie mature

Panna di cocco

Menta fresca

pere allo zenzero e ciliegie

pere allo zenzero e ciliegie

Procedimento:

 

Preparare i biscotti amalgamando la farina con lo zucchero, l’olio e il succo di mele. Formare una frolla morbida e ritagliare dei biscotti. Infornare per per 7-8 minuti, in forno caldo, a 200 gradi.

Nel frattempo lavare le pere e, con l’aiuto di uno scavino, realizzare delle sfere. Spremere il succo di limone e grattuggiare lo zenzero. Riporre in un contenitore ermetico, oppure in una busta sottovuoto, le sfere di pera e condirle con il succo di limone. Aggiungere il succo di zenzero ottenuto premendo tra due cucchiai la polpa grattuggiata dello zenzero. Chiudere il contenitore e fare marinare le pere in frigorifero per almeno un ‘ora.

Lavare le ciliegie e togliere il nocciolo, dividendo ogni frutto in due.

Prelevare poca panna di cocco e formare delle quenelle con l’aiuto di due cucchiai.

Predisporre il piatto sbriciolando un biscotto, aggiungere le sfere di pera allo zenzero, le ciliegie e disponendo la panna di cocco. Guarnire con foglie fresche di menta e poco liquido di marinatura delle pere e servire.

Buon appetito!

 

Tempi di preparazione:

1 ora circa

 

NB: Per preparare la panna di cocco procuratevi una lattina di latte di cocco e mettetela in frigorifero per almno due ore. Aprendola saraà rimasta a galla tutta la parte grassa che potrete prelevare ed utilizzare al posto della classica panna

Per accellerare la preparazione di questo dessert, potete optare per dei frollini vegan biologici.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail