lasagna falsa al cavolfiore

lasagna falsa al cavolfiore

LASAGNA FALSA AL CAVOLFIORE – FOTOGRAFIE DI ALESSANDRO ARNABOLDI

Preparare il cavolfiore al forno, ricco e sontuoso, avvolto nella besciamella era da diverso tempo che mi ronzava in mente. Una ricetta che volevo preparare durante le feste natalizie ma che per una ragione o per l’altra avevo continuato a rimandare.
Venerdì pomeriggio ho preso il treno per raggiungere i miei ometti in montagna. A casa sapevo di avere tutto l’occorrente per realizzarla e, mentre il treno macinava i suoi kilometers lungo i binari che mi accompagnavano al lago, ho ipotizzato il menù per l’ultima festa natalizia, l’Epifania. Una festa un po’ in sordina che è dedicata più al riposo, prima di ricominciare con la solita routine, e al riordino. Una ricetta del genere era quindi perfetta perché mi dava l’opportunità di,prepararla in anticipo e aver del tempo a disposizione.
Appena giunta a Lecco ci siamo diretti a Bellano per assistere alla pesa Vegia. Una manifestazione di rievocazione storica che era già diverso tempo a cui volevo assistere ma il freddo e il brutto tempo mi aveva sempre impedito. Per le strade tanti personaggi in abiti storici, e punti di interesse, creavano una insolita atmosfera d’altri tempi. Lungo il lago i mercatini con le caramelle pronte per la Befana. Falò, danzatrici del ventre, cammelli, carrozze, menestrelli… il profano si mischiava con il sacro. L’oriente con la storia del ottocentesca del lago, in un connubio davvero divertente e originale.
Imbattersi in un mercatino solidale dove accatastati mi attendevano piatti, piattini, ciotole, ciotoline, bicchiere, tazze e ogni tipo di chincaglieria da tavola è stata un eccitante sorpresa! Non ho resistito dal comprare alcuni piatti nuovi per il blog, incrementando la mia collezione. Con le sacche piene di piatti, e una macchina da scrivere d’epoca acquistata per la mia amica Viviana, abbiamo cenato in un’osteria di fortuna tra musica, canti, urla e bicchieri di rosso.
La serata si è conclusa con l’arrivo degli Spagnoli con il Governatore, a bordo delle lucie, dall’altra parte del lago e lo spettacolo pirotecnico sulla riva.
Il giorno seguente, dopo una bella ristoratrice dormita, ho preparato questo piatto che abbiamo divorato perché buonissimo. Un sapore avvolgente e che ricorda il formaggio. Perfetto con la polenta!!!

lasagna falsa al cavolfiore

lasagna falsa al cavolfiore

Lasagna falsa al cavolfiore

Ingredienti per 4 persone:

 

1 cavolfiore

250 gr di farina di grano saraceno

250 gr di farina di mais

1 litro di latte di soia

30 gr di maizena

2 cucchiai di tahin (crema di sesamo)

3 cucchiai di lievito alimentare in scaglie

paprika affumicata de Pimenton

sale, pepe e olio

lasagna falsa al cavolfiore

lasagna falsa al cavolfiore

Procedimento:

Dividere in cimette piccole il cavolfiore, sciaquarlo e scottarlo, in acqua bollente salata, per 8 minuti. Nel frattempo scaldare il latte di soia, tenendone un bicchiere da parte, e portarlo a ebollizione. Nel latte freddo stemperare la maizena. Quando il latte sobbolle, salarlo leggermente e aggiungere il latte con la maizena. Spegnere il fuoco. Scolare il cavolfiore e condirlo con due cucchiai di burro di sesamo e la besciamelle. Unire il lievito alimentare in scaglie e mescolare con cura. Aggiustare di sale e pepe e tenere da parte.

Preparare la polenta, cuocendo le farine in due litri di acqua bollente salata per 30 minuti, versandole a filo al momento in cui l’acqua sobbolle e avendo cura di mescolare vigorosamente per evitare i grumi. Stendere la polenta in una leccarda e livellarla con il dorso di un cucchiaio inumidito.

Quando la polenta è fredda, tagliarla in modo regolare formando dei quadrati, o rettangoli a piacere, e farcirli con il cavolfiore condito formando degli strati alternati con le fette di polenta stessa.

Infornare le finte lasagne, in forno caldo, a 200 gradi per 15 minuti, facendole dorare negli ultimi minuti di cottura.

Servire la falsa lasagna cospargendo con la paprika de Pimenton affumicata.

Buon appetito!

 

Tempi di preparazione:

1 ora circa

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail

2 Comments

  1. Fantastica idea… Sicuramente buona

    Reply
    • grazie mille! ti assicuro davvero buonissimo… da provare!

      Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *