giorno dopo giorno - ditalini di frumento al pesto di fave e sedano

GIORNO DOPO GIORNO . DITALINI DI FRUMENTO AL PESTO DI FAVE E SEDANO . FOTOGRAFIE DI ALESSANDRO ARNABOLDI

 

I papaveri si rispecchiano nel grano,

che illuminato dal sole, ti abbaglia,

facendoti rimanere di stucco.

Il cuore impazzito

ti comanda di corre là,

là dove i tuoi amici giocano.

Torni a casa dal campo,

si vede la tua ombra scura

davanti al tramonto che brilla!

Sei a casa,

là fuori c’è il buio intenso della notte…

le stelline bianche, illuminano il cielo…

Ecco ti guardi intorno

e dici che si, sarà finita la giornata,

ma domani ce ne sarà un’altra.

Alberto Arnaboldi

Maggio 2018

 

Il mondo e la vita visti con gli occhi di un bambino di dieci anni. Questa poesia l’ha scritta un bambino di dieci anni. Il mio bambino. Un bambino così sensibile e profondo da farmi spesso pensare che sia un adulto intrappolato nel corpo di un fanciullo in crescita. Un adulto evoluto, che ha imparato a lasciare andare il rimorso, la tristezza, il rancore, la rabbia.  Perchè i bambini sono così, non conoscono questi sentimenti, che ci provocano così frustrazione, ma vivono nell’amore, nella gioia, nel perdono e nella fiducia.

Non conoscono la tristezza, se non paseggera, ma che viene subito allontanata dalla gioia di quello che stanno vivendo in quel momento e nella speranza del futuro. Sanno che la giornata finita non si può più ripetere, comunque sia andata. Domani, in ogni caso, sarà un nuovo giorno tutto da scoprire, e ricco di aspettativa.

Quanto avremmo da imparare ascoltando i bambini. Sono i veri saggi, coloro che con l’innocenza della loro età e con il loro cuore puro ci possono insegnare così tante cose. Mentre noi ci facciamo del male. loro vivono nell’amicizia e con un cuore onesto.

Questa poesia l’ha scritta il mio grande saggio di casa, diligentemente un giorno in classe come se fosse un compito assegnato. Ha partecipato senza competizione a un concorso poetico per i bambini organizzato dal Comune di Milano. Scrive, disegna, dipinge. Imprime spontaneamente i suoi sentimenti su un foglio, con modestia ed umiltà. Talmente non curante dei motivi per cui lo sta facendo da non averci detto nulla. Lo abbiamo scoperto perchè ha vinto la medaglia d’argento.

Ma quello che mi rende orgoglioso di lui, e onorota soprattutto di essere la sua mamma, sono le sue parole. Così autentiche e meravigliose. Un messaggio così bello che vorrei che tutti ne potessero trarne giovamento e insegnamento.
Io per prima. Ho letto e riletto la poesia, quasi incredula che la possa aver scritta il mio scricciolo. Il mio piccolo Buddha, come lo chiama la mia amica Nicoletta.  E mi sento ancora più responsabile perchè ho il compito di crescere un’anima così bella, che ha scelto me e Alessandro per venire al mondo e affrontare il suo viaggio.

Ci ho pensato a lungo, perchè i compleanni e i successi vanno sempre celebrati. E l’ho fatto a modo mio, regalandogli questo piatto.

giorno dopo giorno - ditalini di frumento al pesto di fave e sedano

giorno dopo giorno – ditalini di frumento al pesto di fave e sedano

Giorno dopo giorno – ditalini di frumento al pesto di fave e sedano

 

Ingredienti per 4 persone:

 

350 gr di pasta corta ( io ho scelto i ditalini)

200 gr di fave già sgusciate

le foglie di un mazzo di sedano

1 carota

1 pezzetto di zenzero

2 pomodori ramati

una manciata di basilico

sale, pepe e olio evo

fiori eduli ed erbe a piacere

giorno dopo giorno - ditalini di frumento al pesto di fave e sedano

giorno dopo giorno – ditalini di frumento al pesto di fave e sedano

Procedimento:

 

Scottare le fave, in acqua bollente salata, per circa 8 minuti. Sgusciarle e metterle nel boccale del frullatore. Nella stessa acqua, scottare le foglie di sedano per circa 30 secondi e trasferirle immediatamente in una bacinella di acqua ghiacciata e sale. Scolarle e unirle alle fave. Condire con olio extravergine di oliva, sale e pepe e frullare fino a ottenere una crema liscia e omogenea. Aggiungere poca acqua se necessario mentre si frulla. Setacciare, con un colino a maglie fini la salsa e tenerla da parte.

Nella stessa acqua di cottura delle verdure cuocere la pasta, seguendo le istruzioni indicate sulle confezione.

Nel frattempo, scottare la carota, tagliata finemente, per 3 minuti in acqua bollente salata. Scottare il pomodoro, eliminare la pelle e i semi e cuocerlo, in una casseruola con due cucchiai di olio, per qualche minuto con delle foglie di basilico.

Frullare la carota con il succo di zenzero. Condire con sale e olio e frullare fino a ottenre una salsa liscia e omogenea. Setacciare la salsa con un colino a maglie fine e tenere da parte. Frullare anche il pomodoro con il basilico condendo con sale, pepe e olio evo.

Mantecare la pasta con il pesto di fave e sedano e servire con le due salse in accompagnamento in contrasto.

Buon appetto!

giorno dopo giorno - ditalini di frumento al pesto di fave e sedano

giorno dopo giorno – ditalini di frumento al pesto di fave e sedano

Tempi di preparazione:

 

45 minuti

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail