e...state nell'orto

E…STATE NELL’ORTO – FOTOGRAFIE DI ALESSANDRO ARNABOLDI

 

Qualche mese fa gli amici di Cucinare secondo natura mi hanno chiesto di partecipare a Parma Etica con un cooking show. Un workshop dove presentare un mio piatto gourmet.

Sono rimasta indecisa su cosa preparare fino all’inizio della settimana. Avevo ipotizzato inizialmente un secondo, cambiando poi con degli gnocchi all’orientale. Ma nulla mi sembrava convincermi fino in fondo.

Gourmet pret a porter. Ovvero come l’alta cucina possa essere alla portata di tutti. Ovviamente questo comportava un piatto che non fosse troppo complesso e con troppe preparazioni. Ma che attraesse e potesse stupire per i suoi colori, la sua presentazione e il suo gusto.

In questi giorni l’orto mi chiama prepotentemente. E’ un luogo che mi fa stare tanto bene. Stare a contatto con la terra, con la natura, con quella tangibile sensazione vitale di crescita e prosperità, mi rende così felice ed entusiasta di poterla vivere. Ogni volta respiro energia pura e sensazione di relax e benessere. Guardo affascinata crescere le verdure, rimango incantata davanti ai fiori delicati e al profumo inebriante delle erbe aromatiche.

Colgo le insalate rigogliose e croccanti, le bietoline colorate e gironzolo guardando qua e là le colture. Nel frattempo immagino i prossimi corsi, che da settembre si svilupperanno anche all’interno dell’orto. Non vedo l’ora. Permettere a più persone possibile di conoscere questa realtà meravigliosa mi rende ancora più orgogliosa di farne parte.

Venerdi sera, poco prima del tramonto, con Piccolo Chef mi sono recata all’orto. Grazie ad Arianna ho scelto le foglie più tenere delle bietoline, raccolto i fiori e le zucchine, l’amaranto e la portulaca. Man mano il mio piatto prendeva sempre più vita.

Lo avevo immaginato, disegnato, provato… ma ancora lo sentivo in evoluzione.

Il giorno dopo, di buon mattino, mi aspettava Serena. Ci eravamo sentite nei giorni scorsi ipotizzando di raggiungere Parma insieme. Quando mi aveva proposto di andare a visitare la fiera insieme ero entusiasta. Lei è dolce e molto affettuosa, presente e sempre sorridente, con un sorriso contagioso. Mi piace tantissimo trascorrere il mio tempo in sua compagnia. Oltre ad essere una bellissima amica sincera, è anche una cuoca appassionata e creativa. Al momento non osavo chiederle una mano ma poi, ho lasciato spazio al coraggio e messo da parte le remore che mi stavo facendo, e le ho chiesto supporto durante l’esibizione. Con lei al suo fianco sarei stata più tranquilla, per prearare i piatti da degustazione e quello di presentazione. E poi, lavorare insieme mi rendeva felice. Ancora di più quando ha accettato la mia proposta.

parma etica gourmet pret a porter

Parma Etica – cooking show gourmet pret a porter

Traffico e caldo permettendo, abbiamo raggiunto con Alessandro il festival. Al nostro arrivo era già nel pieno della giornata. Quando è stato il momento, ci siamo organizzate e siamo partite. Il cuore palpitava dall’emozione. L’entusiasmo mi rendeva euforica e agitata. Il terrore di non riuscire a realizzare il piatto, che non piacesse e che non riuscissi a raccontarlo mi assaliva. Le persone davanti a me partecipavano interessate e le loro domande mi hanno fatto dimenticare la tensione. Piano piano ho iniziato a sciogliermi e tranquillizzarmi lasciando il posto al divertimento.

parma etica goumet pret a porter

Parma Etica – gourmet pret a porter

Cucinare per me è proprio la cosa più bella del mondo. Non c’è nulla che mi renda più felice.

Alla fine è nato il piatto mentre Serena portava avanti abilmente gli assaggini e integrava le spiegazioni. E’ stato un bellissimo momento di lavoro di squadra. Le sono davvero grata di essermi stata accanto.

parma etica goumet pret a porter

E…state nell’orto – cooking show Parma Etica gourmet pret a porter

Le persone assaggiavano e come per magia tutto era finito. Ho raccolto tutte le mie cose e le emozioni e siamo tornati a casa con il cuore colmo di felicità e stanchezza per una giornata intensa, da ricordare.

e...state nell'orto

Parma Etica – cooking show gourmet pret a porter, e…state nell’orto

E…state nell’orto

e...state nell'orto

e…state nell’orto

Ingredienti per 6 persone:

 

1 daikon o 6 piccole rape bianche

un mazzetto di asparagi di campo

20 bietolini tenere

1 zucchina (io ho scelto gialla)

portulaca

misticanza o erbe spontanee a piacere

una manciata di basilico fresco

100 gr di anacardi al naturale

100 gr di ciliegie (meglio varietà duroni)

100 ml di aceto di mele

100 ml di vino rosso

1 stacca di cannella

1 stelal di anice

2 chiodi di garofano

2 cucchiai di zucchero di canna integrale

100 gr di ceci già cotti

100 gr di azuki (fagioli rossi) già cotti

1 limone

2 cucchiai di tahin (burro di sesamo)

1 cucchiaio di mandorle al naturale

semi di finocchio, semi di cumino e summac a piacere

sale, pepe, olio evo e olio di girasole alto oleico

e...state nell'orto

e…state nell’orto

Procedimento:

 

Per lo scrigno di daikon. Pulire e pelare il daikon e dividerlo in pezzi da 3 cm ciascuno. Con un ring ritagliare i bordi per renderlo un cilindro regolare e, con un ring più piccolo, formare un incavo centrale.

Scottare gli asparagi in acqua bollente salata per 5 minuti e trasferirli subito in acqua ghiacciata.

Pulire le erbette, la portulaca e le erbe spontanee o aromatiche a piacere.

Frullare i ceci e gli azuki, precedentemente lessati, con il succo di mezzo limone, due cucchiai di burro di sesamo  e i semi di finocchio, cumino e il summac a piacere. Condire con un pizzico di sale e un cucchiaio di olio e frullare fino a ottenere un composto liscio e cremoso. Trasferirlo in sac a poche e conservarlo al fresco.  A piacere unire poco peperoncino in polvere.

Per la gastrique di ciliegia. Lavare le ciliegie e snocciolarle. Portare a ebollizzione il vino rosso con aceto, lo zucchero e le spezie e far sobbollire per ridurlo di un poco. Sgnere il fuoco e aggiungere le ciliegie. Far arffreddare completamente. Frullare la preparazione con tre cucchiai di olio di girasole alto oleico, un pizzico di sale e poco pepe. Frullare fino ad ottenere una salsa fluida e omogenea. Setacciarla con un colino a maglie fini e trasferirla in una pipetta, conservandola al fresco.

Per la crema al basilico. Scottare il basilico per 30 secondi in acqua bollente salata e trasferirlo immediatamente in acqua ghiacciata. Mettere in ammollo per qualche ora gli anacardi al naturale. Scolarli e sciacquarli. Frullare gli anacardi con il basilico, condendo con olio di girasole alto oleico, sale e pepe a piacere. Setacciare la crema ottenuta con un colino a maglie fini e conservare al fresco.

Lavare la zucchina e tagliarla a piacere. Affettare a lamelle irregolari le mandorle.

Farcire ogni scrigno di daikon con il patè di legumi, Guarnire con gli asparagi e le verdure e servirlo con la crema al basilico e qualche goccia di contrasto di ciliegia. Decorare con la zucchina gialla e le lamelle di mandorle. Finire con fiori eduli e condire con un filo di olio evo a crudo e servire.

Buon appetito!

e...state nell'orto

e…state nell’orto

Tempi di preparazione:

 

90 minuti circa

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail