Cous cous crudista

Fotografia di Alessandro Arnaboldi

Fotografia di Alessandro Arnaboldi

Uno dei primi piatti crudisti che ho potuto apprezzare quando mi sono avvicinata a questa cucina e’ stato il cous cous. La base e’ di cavolfiore, un ortaggio particolarmente bistrattato in cucina e poco apprezzato.
La prima volta che  ho letto in rete la ricetta ero un po’ scettica perché’ non e’ mai stato tra i miei ortaggi preferiti. In realtà’ mi sono dovuta ricredere, fin dal primo assaggio.
E’ croccante, gustoso, ricco di sapore e molto fresco. E’ una base  neutra che puo’ essere condita e caratterizzata a piacere. Da quando ho imparato a farlo, l’ho preparato in diverse varianti tutte molto apprezzate anche da Piccolo Chef. Si puo’ condire a piacere con accostamenti piu’ delicati oppure piu’ saporiti, a secondo di quello che la fantasia suggerisce. Come per questa  versione, tutta in arancione, con la carote e la zucca addolcite dall’uva sultanina e profumata all’arancia e curcuma, che colora lievemente di giallo i chicchi di cavolfiore. Un vero spettacolo, per una cenetta a due che ci siamo concessi io e il mio maritino.
Ingredienti per 2 persone:
1 cavolfiore
3 carote
1/2 zucca
2 arance (le mie non erano molto grandi)
1 cucchiaio abbondante di curcuma
una manciata di uvetta
una manciata di pinoli
una manciata di semi di zucca
olio evo, sale e pepe
zenzero
Procedimento:
Lavare e dividere il cavolfiore in cimette e metterlo ini un mixer. Frullare il cavolfiore e farlo marinare in succo d’arancia e curcuma, sale e pepe. Lasciarlo in un luogo fresco il piu’ possibile, ma almeno mezz’ora.
Pulire e lavare le verdure. Tagliare la zucca e le carote a dadini.
Prendere una capiente ciotola e mettere il cavolfiore, aggiungere le verdure e condire con una manciata di uvetta, i pinoli, i semi di zucca. Condire con un filo d’olio evo, eventualmente sale.  Impiatare e servire con una grattuggiata di zenzero fresco.
Buon appetito!

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail

2 Comments

  1. Sarebbe interessante secondo me se mettete anche i tempi di preparazione 🙂 comunque ottimo blog e ottime ricette! complimenti!!!

    Reply
    • Ciao Simone, grazie del tuo commento e del tuo consiglio. Cercherò di aggiungere anche i tempi di preparazione.

      Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *