cardi al forno gratinati

 

cardi al forno gratinati

FOTOGRAFIE DI ALESSANDRO ARNABOLDI

Vi ho già raccontato come ho scoperto i cardi parlando della vellutata.  Un amore davvero particolare che cerco di coltivare declinandoli in diverse ricette.

Buonissimi anche solo lessati e conditi con olio e limone per un contorno leggero, ma molto aromatico, diventano golosi ed eleganti se gratinati al forno con un velo di besciamelle.

I cardi al forno gratinati sono semplici da realizzare e molto appetitosi, ma ripeto che la preparazione di questi ortaggi è la parte più ostica della preparazione. Un contorno ricco e sontuoso che si può trasformare anche in un antipasto per le cene formali.

Se avete acquistato molti cardi vi consiglio di pulirli, lavarli tutti, tagliarli a pezzetti e cuocerli al vapore o lessandoli brevemente. Una volta freddi, potete procedere con questa  ricetta. In alternativa potete congelarli, pronti all’uso in quelle sere che tornate a casa stanchi, affamati e senza nulla di pronto, per impiattare qualcosa di buono velocemente.

L’altra sera, per esempio, ho cotto tutti i cardi che avevo nel cesto della dispensa. Una parte li ho usati per realizzare questi cardi al forno gratinati, mentre la restante parte l’ho conservata per la prossima ricetta.

Tipico di questa stagione, il cardo è ipocalorico e ha proprietà benefiche, tra cui depurative, diuretiche e lassative. Contiene antiossidanti e protegge il fegato. Tutte queste virtù nascoste lo rendono un vero toccasana, motivo in più per portarlo a tavola. Si conservano piuttosto a lungo e non temono il freddo. Li potete quindi conservare anche all’esterno riparati dalle intemperie o il sole diretto.

Prima di infornarlo ho grattugiato tanta noce moscata che gli ha donato un’aromaticità inconfondibile e alla fine ho portato in tavola un piatto davvero squisito.

Cardi al forno gratinati

La ricetta dei cardi al forno gratinati la trovate su Bigodino.it

 

bigodinoSq

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *