crostata di mele crudista

crostata di mele crudista

FOTOGRAFIE DI ALESSANDRO ARNABOLDI

 

La crostata di mele crudista è stato il dessert dell’ultima social dinner. Qualche giorno fa ho scritto un articolo per la Cucina Mancina in cui ho raccontato a caldo la mia esperienza durante la social dinner. Sono sempre agitata ed entusiasta quando organizzo una di queste cene e controllo tutto nei minimi particolari perchè sia una serata ben riuscita. La tensione che il menù e i miei piatti piacciano è alle stelle quando inizio a portare i primi piatti.

Per giorni studio il menù, gli abbinamenti e la cronologia dei piatti che, se diversi, hanno sempre un comune denominatore. Cerco di creare fluidità nelle portate e spero sempre che quello che preparo sia all’altezza dei miei ospiti. Io cucino felice, perchè mi piace farlo ma non nego che cucinando per persone che non conosco l’agitazione aumenta. Poi però mi siedo a tavola e sorrido e quando vedo che tutti mangiano soddisfatti mi rilasso. Da quel momento ricomincio a divertirmi. La serata è irrefrenabile, alternata da momenti in cucina mentre la musica suona, a momenti che trascorro tra i tavoli per cercare di parlare e conoscere tutti e trasmettere quello che avrei voluto con i miei piatti. Qualcuno mi chiede la ricetta, qualcun’altro i tempi, cosa faccio nella vita, come abbiamo iniziato a fare le social dinner… mentre altri sono troppo impegnati a chiacchierare tra di loro in conversazioni fitte che mi dispiace quasi disturbare. Ogni serata è unica ed indimenticabile e mi lascia sempre tanta positività ed energia.

Alla fine della cena arriva il dessert. Lo scelgo quasi sempre crudista perchè amo i dolci crudisti e perchè sono sempre molto particolari e, rispetto ad un dolce più tradizionale, sono sempre insoliti.

La torta di mele è tra i miei dolci preferiti e così ho voluto riprodurla in chiave crudista. Una frolla di nocciole e burro di cacao alternata ad una crema di mele e fettine di mele marinate.

Il risultato è stato sbalorditivo ed è piaciuta a tutti.

crostata di mele crudista

crostata di mele crudista

 

Crostata di mele crudista

 

 

Ingredienti per una teglia 15×24:

per la frolla:

1 cucchiaio di cacao crudo in polvere

100 gr di semi di girasole

100 gr di nocciole

mezzo limone

60 gr di farina di mandorle

40 gr di burro di cacao

 

per la farcia:

2 mele golden

1 limone intero

1 cucchiaio di semi di chia

10 datteri al naturale (5 se medijol)

3 cucchiai di uva sultanina

cannella a piacere

 

per la decorazione:

3 mele golden

due cucchiai di sciroppo di agave

mezzo limone

mele disidratate

crostata di mele crudista

crostata di mele crudista

Procedimento:

per prima cosa preparare la base della torta. Sciogliere a bassissima temperatura il burro di cacao. Frullare, in un mixer i semi di girasole con le nocciole e il succo di mezzo limone. Trasferire il tutto in una ciotola e aggiungere il cacao crudo in polvere e il burro di cacao liquefatto. Mescolare fino ad ottenere un composto lavorabile con le mani.

Stendere l’impasto in una teglia e livellarlo. Trasferire la teglia in frigorifero per far rassodare il composto. Nel frattempo preparare la salsa. Frullare, nel mixe, le mele con i datteri, precedentemente ammollati in acqua, e il succo di limone. Frullare fino ad ottenere una crema omogenea. Aggiungere la cannella a piacere e l’uva sultanina.

Tagliare le 3 mele a fettine sottilissime e metterle a marinare nel succo di limone e sciroppo di agave.

Riprendere la frolla e guarnirla con la crema. Coprire con uno strato di fettine di mela e nuovamente con uno di crema. Alternare la crema alle fettine di mela fino a terminare tutti gli ingredienti.

In ultimo decorare con le fette di mela e rimettere in frigorifero per almeno due ore.

Tagliare la crostata di mele crudista a fette e decorare con mele disidratate sbriciolate e servire.

Buon appetito!

 

Tempi di preparazione:

2 ore circa più il tempo di riposo

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *