raviolo di san valentino

RAVIOLO DI SAN VALENTINO – FOTOGRAFIE DI ALESSANDRO ARNABOLDI

Sono tornata a Espansione Tv, dalla bellissima e dolcissima Dolores Longhi. Mi ha accolta calorosamente e con affetto e mi ha messo subito a mio agio anche se ero molto agitata ed emozionata. Era il primo lunedì della mia nuova vita. Una vita da cuoca e da foodblogger.

La mattina l’ho trascorsa in cucina per preparare tutte le ricette. Mi sono persa nei miei pensieri, rendendomi conto che non avevo un cartellino da timbrare o appuntamenti da prendere, documenti da controllare. Ancora non me ne rendo conto, figuriamoci il primo lunedì.

Ho ascoltato la musica, che dettava la cadenza dei miei lavori e mi teneva compagnia, e ho impastato i ravioli. Man mano che andavo avanti con le preparazioni, aggiustavo e modificavo le ricette a cui avevo pensato.

I ravioli che avevo preparato non mi soddisfacevano e così, all’ultimo momento ho deciso di cambiare e preparare un risotto alla barbabietola con limone e zenzero. Un cambio si, non del tutto convincente perchè mi ero fissata sui ravioli ma un  risotto decisamente molto buono.

I ravioli continuavano a frullarmi per la testa, quasi fossero un tormentone, e così ho voluto riprovare a farli. Mi sono alzata presto, impastato la farina con l’acqua di barbabietola. Questa volta è venuto un colore splendido, così come i cuori… ero proprio soddisfatta.

Per noi è stato il pranzo della domenica, un pasto che voleva essere un inno all’amore e al cuore nella settimana di San Valentino. Non credo nella festa degli innnamorati. Innamorati lo si è tutti i giorni, in ogni momento. Del proprio compagno, di un figlio, della mamma, dell’amico… ma credo che tanto spesso ci dimentichiamo di esprimere e dimostrare i nostri sentimenti. Li diamo per scontati, o forse non gli diamo il giusto valore e l’importanza che devono avere. Fermarsi e dire davvero quello che abbiamo nel cuore, sembra facile a parole ma non lo è assolutamente. E’ più facile darlo per scontato. Tanto l’altro lo sa di certo.

E con questo non dico di invadere chiunque amiamo con fiori, cioccolatini e bigliettini mielosi ma cogliere l’occasione per fermarci, riflettere su cosa abbiamo nel cuore, alzare il telefono o incontrare chi vogliamo bene e dirglielo.

Vi assicuro che è un esercizio faticosissimo. Per me lo è sempre stato, ma da quando ho imparato a esternare i miei sentimenti, a volte è stato difficile e con conseguenze pazzesche, ma mi ha cambiato la vita. E se non ci riusciamo in un giorno qualunque, allora ben venga che abbiano inventato questa festa.

Buon San Valentino, a te che stai leggendo a cui sono grata per questo.

raviolo di san valentino

raviolo di san valentino

Raviolo di San Valentino

 

Ingredienti per 2 persone:

150 gr di farina 1

2 barbabietole

200 gr di zucca

1 mazzetto di bietoline baby

100 gr di pioppini

1 carota

nocciole

1 cipolla piccola dorata

peperoncino

zenzero

sale, pepe e olio

erbe fresche

raviolo di san valentino

raviolo di san valentino

Procedimento:

Impastare la farina con l’acqua di barbabietola, ottenuta estraendo il succo dalla fibra con estrattore. Unire poco a poco l’acqua alla farina e un cucchiaio di olio. Impastare fino a ottenere una pasta elastica ed omogenea. Farla riposare coperta da pellicola.

Pulire i funghi e affettare sottilmente la cipolla. Saltare al cipolla con due cucchiai di olio in padella e appena inizia ad appassire unire i funghi anch’essi tagliati finemente. Cuocerli a fiamma vivace per pochi minuti. Salare e pepare. Tritare finemente unire le nocciole tritatee una brunoise di zenzero.

Stendere la pasta sottilmente e ritagliare i ravioli a forma di cuore. Farcire una sfoglia con poco ripieno e richiudere on un’altra sfoglia.

Saltare in padella antiaderente le biotoline baby e appena pronte, cuocere le carote affettate sottilmente.

Infine, nella stessa padella, cuocere a fiamma vivace i funghi pioppini interi che accompagneranno il piatto.

Pulire e tagliare a dadini regolari la zucca e stufarla dolcemente per 20 minuti. Traferirla nel bicchiere del frullatore e frullarla con olio e peperoncino e poca acqua fino ad ottenere un composto cremoso e fluido.

Cuocere, in acqua bollente i ravioli, fino a quando non verranno a galla. Servirli con la crema piccante di zucca, qualche bietolina e carote arrostite e i funghi. Guarnire con cuori di barbabietola ottenuti intagliando con una formina delle fettine di barbabietola e erbe aromatiche a piacere.

Buona appetito!

 

raviolo di san valentino

raviolo di san valentino

Tempi di preparazione:

90 minuti circa

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail