Pizzoccheri primaverili agli asparagi con fonduta di mandorle

fotografia di Alessandro Arnaboldi

fotografia di Alessandro Arnaboldi

Domenica scorsa dovevano venire degli amici in montagna. Poi pero’ sono saltati i piani e così abbiamo deciso di fare una passeggiata al limitare del bosco. Abbiamo visto tantissimi fiori bellissimi, alcuni che non avevamo mai visto prima e che non conosciamo. Dovrebbero inventare una app per riconoscere le diverse specie  di fiori e piante. Una cosa del tipo che fai la foto al fiore e ti dice come si chiama. :-). Scherzi a parte e’ stata proprio una bella passeggiata, rilassante. Tornati a casa ho preparato i pizzocheri. I pizzoccheri li ritengo un piatto prettamente invernale ma la pasta  di grano saraceno, così come la farina per fare la polenta, mi piace tantissimo anche con altri condimenti. D’inverno li preparo semplicemente con le erbette (non mi piace la verza) e le patate lessate con la pasta, escludendo i latticini, eventualmente aggiungendo un po’ di panna di soia. Questa volta li ho preparati con gli asparagi e le mandorle. Oramai sapete che questo accostamento mi piace tantissimo, delicato e fine. Tantissimi anni fa, prendendo spunto da una rivista di cucina, avevo fatto la pizza, con la farina di farro, con una crema di asparagi al posto del pomodoro e scaglie di mandorle. Uno spettacolo. Da allora li abbino in continuazione. Il pranzo e’ stato un successo ed e’ stato molto veloce da preparare, così ho potuto godermi la passeggiata fino all’ultimo.

Ingredienti per 3 persone:
250 gr di tagliatelle di grano saraceno
200 gr di asparagi
10 foglie di basilico
mezza cipolla dorata
una tazza di mandorle spellate
un cucchiaio di lievito alimentare in scaglie
sale, pepe e olio evo
Procedimento:
Mettere a bagno le mandorle e lasciarle in una ciotola in ammollo. Sarebbe ottimale che rimangano almeno 8 ore. Io ho fatto questa operazione la sera precedente.
Lavare gli asparagi e tagliarli a tocchetti piccoli tutti regolari. In una padella mettere poco olio e la cipolla affettata sottilmente.
Aggiungere gli asparagi e le foglie di basilico spezzettate. Salare e pepare e coprire con acqua calda a filo fino a coprirli. Nel frattempo far bollire abbondante acqua salata e cuocere i pinzocheri. Mentre il sugo e la pasta cuociono, mettere le mandorle, scolate dall’acqua ma umide, in un mixer con un pizzico di sale e un cucchiaio abbondante di lievito alimentare). Frullare a intermittenza ed aggiungere poca acqua fino ad ottenere una crema fluida della consistenza di una fonduta.
Scolare la pasta e condirla con il sugo di asparagi e la fonduta. Impattare e servire eventualmente cospargendo con qualche mandorla o della farina di mandorle.
Tempi di preparazione dei pinzocheri agli asparagi e fonduta di mandorle:
20 minuti circa più il tempo di ammollo delle mandorlenb.
Potete scoprire scoprirle tutte le proprietà del grano saraceno grazie a Rosalba dell’Erboristeria Il Seme di Barzio.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail

10 Comments

  1. fatti a mestiere 🙂

    Reply
  2. Che buoni con gli asparagi! Mi piace moltissimo l’idea della fonduta di mandorle.

    Reply
    • A chi lo dici, gli asparagi mi fanno impazzire. Ho scoperto però di avere un’intolleranza leggera al nichel e quindi devo mangiarli con parsimonia😔.

      Reply
    • E la fonduta di mandorle e’ goduriosa. Oggi la provo per mantecare il risotto! Poi ti saprò dire….

      Reply
  3. Perché il lievito alimentare??? DI quale stai riferendoti? Quello per pizze e focacce? Grazie

    Reply
    • Ciao Eleonora, il lievito alimentare in scaglie e’ un insaporitore. Non ha potere fermentativo quindi non lo puoi usare per far lievitare il pane etc. Lo trovi nei negozi alimentari biologici o come me in erboristeria. E’ molto buono e da gusto alle preparazioni, oltre a fare bene. Ricorda il formaggio che si spolvera sulla pasta. Mio marito adora la pasta in bianco condita solo con olio e lievito. Io lo aggiungo anche nelle insalate e trovo che gli dia una marcia in più. In questo caso mi ha aiuta tanto a dare un po’ più di “carattere” alla fonduta di mandorle, che è di per se molto delicata. Ce ne sono di molte marche, tutte biologiche

      Reply
  4. Ciao Marzia , sono rientrata a casa da poco dopo una giornata davvero intensa.. ho fatto un giro nel tuo blog mi stupisci sempre sei bravissima , spero di avere un pò di tempo per realizzare le tue ricette .
    Ho un intolleranza al lattosio e poi non amo i grassi sei la mia food blogger preferita . Grazie ti auguro un buon fine settimana Elena

    Reply
    • Ciao Elena, grazie! Tu mi fai arrossire!!!!!
      Anche io ho avuto una giornata intensa e lunga e stamattina alzarmi e leggere il tuo messaggio e’ stato un buonissimo inizio di giornata. Io sono intollerante ai latticini, per cui non li mangio ma da quando ho scoperto tutte queste alternative vegan sono ancora più soddisfatta!

      Reply
  5. Oggi blogger fa le bizze….Elena fammi sapere se prepari questi pizzoccheri o altre mie ricette e dimmi se ti sono piaciute o meno. Mi fa molto piacere e mi dai la carica per continuare ad inventare e proporre . Grazie di cuore. Buon we a presto Marzia

    Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *