Linguine al pesto di aglio orsino

fotografie di Alessandro Arnaboldi

fotografie di Alessandro Arnaboldi

Un paio di domeniche fa siamo stati in un bosco in Brianza a fare una passeggiata. La scuola materna locale aveva proposto questa “camminata nel bosco” animata da personaggi fantastici che  accoglievano i bimbi incuriositi. Il percorso si snodava intorno ad un laghetto e la giornata calda e soleggiata era rinfrescata dalla freschura che saliva dalla riva. La natura si stava risvegliando. Le gemme erano pronte a sbocciare sui rami, e i prati erano colorati da piccoli fiorellini appena sbocciati. Qua e la’ folletti e fatine mostravano ai bambini i fiori, le piante e raccontavano quali animali vivevano in quei boschi e la magia della primavera.
A un certo punto siamo stati invasi da un pungente profumo di aglio e abbassando gli occhi era proprio li’. L’aglio selvatico conosciuto anche come aglio orsino. Ne parlavamo proprio qualche giorno prima. E’ bellissimo passeggiare nei boschi in questo periodo quando il profumo dell’aglio ti sorprende. Conferma che la bella stagione e’ oramai alle porte.

Appena rientrati a casa ho subito cercato l’aglio orsino per riportare nel piatto il ricordo di quella bella giornata nella natura. Per gustarlo ho preparato un simil pesto con le mandarle per smorzare il gusto un po’ “invasivo” dell’aglio. LE linguine con il pesto di aglio orsino sono riuscite benissimo. Deliziose!
Ingredienti per 2 persone:
160 gr di linguine
25 gr di aglio orsino fresco
30 gr di mandorle in scaglie
1 cucchiaio di succo di limone
1 cucchiaio abbondante di lievito alimentare
1 tazzina di olio evo
Procedimento:
Mentre la pasta si cuoce in abbondante acqua bollente salata, in un mixer mettere l’aglio orsino lavato. Aggiungere le mandorle, l’olio, il succo di limone e il lievito alimentare. Frullare, aggiungendo eventualmente un po’ di acqua di cottura della pasta, per ottenere una salsa fluida. Aggiustare eventualmente di sale (per me non ce n’era bisogno).
Scolare le linguine e condire con il pesto ottenuto. Impiattare e servire.
Buon appetito!
Tempi di preparazione:
15 minuti
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail

2 Comments

  1. Io mi sono innamorata dell’aglio orsino, lo useri praticamente ovunque, sono ormai dipendente. Ma non saprei dove cercarlo fresco, lo uso solo secco..

    Reply
    • hai ragione Teresa, se lo conosci non ne puoi fare a meno! io lo faccio essiccare per gustarlo anche quando non lo trovo nei prati! e trovo che essiccato abbia un gusto meno pungente e più’ aromatico.

      Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *