Fotografia di Alessandro Arnaboldi

Fotografia di Alessandro Arnaboldi

Gli spaghetti di zucchina, tra gli spaghetti raw, sono i miei preferiti sia per consistenza che sapore. Da onnivora ho sempre amato le tagliatelle fresche. Con la batata riesco a trovare un validissimo compromesso perche’ mantengono la stessa ruvidita’ della pasta all’uovo. Ed inoltre sono un ottima variante agli spaghetti di zucchina estivi. La batata, a differenza delle nostre patate, si puo’ mangiare cruda ed ha un sapore abbbastanza neutro che valorizza i condimenti.
Qualche sera fa avevamo invitato degli amici a cena e avevo preparato una pasta con radicchio e noci che abbiamo apprezzato tutti. Il radicchio, in inverno non manca mai. Dona colore alle insalate e mi piace per quel contrasto dolce/amaro abbinato a lattuga e cavoli. Durante la settimana ho voluto provare a rielaborarla in versione crudista. Questo sugo lo avevo gia’ consolidato con gli spaghetti di zucchina, ma devo dire che con la batata il risultato e’ stato piu’ rustico.
Il radicchio gli ha donato un sapore amarognolo accentuato dalle note agro dell’aceto balsamico. Ahime’ il radicchio che avevo comprato era fortemente amaro e, per minimizzare l’amarezza che non sarebbe piaciuta ai miei ometti, ho aggiunto un dattero mentre frullavo il sugo finale.
Ingredienti per 3 persone:
1 batata
1 radicchio
salsa di noci
5-6 noci
1 cucchiaio di aceto balsamico
olio evo, sale rosa integrale
Procedimento:
Pulire e spellare la batata e con l’apposito taglia verdura creare le tagliatelle. Nel frattempo lavare il radicchio e tagliarlo grossolanamente. Lasciarlo umido per aiutare la creazione della salsa. In un mixer mettere il radicchio, un cucchiaio di aceto balsamico, un cucchiaio di salsa di noci e qualche gheriglio di noce. Frullare a intermittenza fino a formare una salsa cremosa. Amalgamare la salsa alle tagliatelle, condendo con un filo d’olio evo ed eventualmente un pizzico di sale e pepe. Guarnire con altri gherigli di noci e, a piacere, del prezzemolo fresco.
Buon appetito!
Tempi di preparazione:
25 minuti circa
Con questa ricetta partecipo al contest Salutiamoci di questo mese, ospitato da Peanut in Cookingland

salutiamoci

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail