vellutata di cardi ai funghi

vellutata di cardi ai funghi

FOTOGRAFIE DI ALESSANDRO ARNABOLDI

Va bene, adesso e’ proprio arrivato il freddo!!! Prima o poi l’inverno sarebbe dovuto arrivare ed e’ giusto così. Mi rendo conto che non abitando in un paese sub sahariano, la temperatura non può essere sempre quella estiva ma devo ammettere, onestamente, che il clima, e le giornate, che abbiamo avuto finora non mi dispiacevano affatto.

Per la prima volta, un po’ anche per pigrizia e per poco tempo a disposizione, non avevo ancora fatto completamente il cambio degli armadi. Avevo semplicemente tirato fuori parte dei completi invernali per l’ufficio, qualche maglia più pesante, ma senza preoccuparmene troppo. Invece, l’altro giorno mi sono decisa e ho fatto il cambio come si deve, ritrovando anche maglioni belli pesanti e caldi che non ricordavo di avere, e a vestirmi in modalità ” freddo polare”.

Avrete oramai capito che non amo particolarmente il freddo ma il lato positivo dell’inverno c’è, e per me sono le zuppe. Quando fa freddo mi armo di scodella e cucchiaio e non mi separo dalle mie amate vellutate, creme, minestre e zuppe. Vado praticamente in fissa, e non riesco ad immaginare altro. Un vero e proprio comfortfood.

E’ davvero ristoratore tornare a casa infreddolita, dopo una pedalata fino a casa, e trovare tepore in una fumante zuppa.

vellutata di cardi ai funghi

vellutata di cardi ai funghi

A quelle più rustiche mi piace alternare le vellutate.

Quest’ultima ho voluto provare a farla con i cardi gobbi. Il cardo e’ un ortaggio poco utilizzato da noi in Lombardia e che ho scoperto durante una mini vacanza nelle Langhe con Alessandro qualche anno fa.

Non ho potuto non innamorarmene. Dolce, e allo stesso tempo amaro, molto aromatico, ricorda il sapore del carciofo, ma più morbido. Pulirlo, a volte, può diventare una seccatura perché e’ molto filamentoso ed e’ davvero laborioso, ma la varietà “gobbo” e’ un po’ meno stressante.

Preparare questa vellutata di cardi ai funghi e’ stato davvero semplice e veloce. Ho fatto due cotture separate per cardo e funghi che poi ho unito al momento dell’impiattamento.

Trovo che i funghi si accompagnino divinamente ai cardi, dando carattere alla vellutata, che di per se’ e’ molto delicata,  e spero di riuscire a ritrovare presto un nuovo cespo di cardi per riproporla.

vellutata di cardi ai funghi

vellutata di cardi ai funghi

Vellutata di cardi ai funghi

Ingredienti:

1 cespo di cardi gobbi

1 carota

1 gamba di sedano

1 cipollotto

200 gr di funghi porcini surgelati

2 cucchiai di farina integrale o maizena ( o fecola di patate)

1 spicchio di aglio

timo essiccato

finocchietto o prezzemolo fresco

crostini di pane

sale, pepe e olio evo

Procedimento:

Lavare e pelare i cardi. Spuntare le carote e il cipollotto.  Lavarli, e fare altrettanto con il sedano e il prezzemolo,fresco. Tagliare grossolanamente le verdure e metterle in una capiente pentola di acqua calda salata, aggiungendo due cucchiai di farina o di maizena

Portare a ebollizione e far cuocere per circa 20-25 minuti,aggiustando di sale e pepe,  fino a quando le verdure saranno belle morbide.

Nel frattempo, in una larga padella antiaderente mettere due cucchiai di olio evo. Appena caldo far soffriggere uno spicchio di aglio e subito dopo aggiungere i funghi porcini, ancora surgelati. Spadellati i funghi per alcuni minuti, salare e pepare ed aggiungere un pizzico di timo essiccato. Cuocere per circa 5 minuti e spegnere il fuoco.

Togliere dalla minestra di cardi la carota, il sedano ed il cipollotto e frullare con un frullatore ad immersione. Aggiustare eventualmente di sale e pepe.

Impiattare la vellutata di cardi, guarnire con i funghi, un po’ di finocchietto e alcuni crostini di pane e condire con un filo di olio a crudo e servire.

Buon appetito!

Tempi di preparazione:

1 ora circa

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Trackbacks/Pingbacks

  1. cardi al forno gratinati - […] ho già raccontato come ho scoperto i cardi parlando della vellutata.  Un amore davvero particolare che cerco di coltivare…

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *